Codici QR e come può aiutarti a portare i riflettori sul tuo curriculum

I codici QR sono già utilizzati su quasi tutto. Dai cartelloni pubblicitari alle brochure, le possibilità sono infinite. Tuttavia, un’applicazione emergente per questo gigante dell’informazione viene utilizzata sui curriculum. L’uso è ancora molto nuovo, ma la novità può lavorare con te, aiutandoti a distinguerti dalla massa. Avere un codice QR sul tuo curriculum comporta molti vantaggi, dall’estetica alla chiarezza, e renderà sicuramente il tuo curriculum evidente e unico.

Curriculum codice QR

Controlli in background

Ci sono quasi 50.000 John Smith negli Stati Uniti nel 2010. Aiuta i responsabili delle assunzioni a trovarti fornendo link utili, chiarendo la tua identità e mettendo in mostra i tuoi risultati. La maggior parte dei responsabili delle assunzioni esegue ricerche sul Web sui candidati come controllo preliminare in background: fornendo collegamenti ai risultati della tua carriera, al profilo LinkedIn e ad altre informazioni importanti fa il lavoro per loro e aiuta a evitare un possibile tragico caso di identità errata.

L’inclusione di un codice QR fornisce anche un’informazione chiave che praticamente tutti i responsabili delle assunzioni oggi cercano: la prova che sei abbastanza esperto di tecnologia per stare al passo con i tempi. Non importa se hai ottenuto il codice da un software all’avanguardia installato sul tuo computer aziendale o dal tuo generatore di codici a risposta rapida preferito, hai già dimostrato di essere perfettamente a tuo agio nel mondo digitale di oggi. Per i candidati più anziani, questa può essere la chiave per essere selezionati rispetto a potenziali clienti più giovani, apparentemente più “moderni”.

Tieni traccia dell’interesse

Lo scopo originale del codice QR era quello di tracciare i ricambi auto mentre passavano di mano nelle fabbriche Toyota del Giappone. Utilizzando gli strumenti giusti, puoi trasformare il tuo curriculum QR in un modo semplice per vedere se il tuo curriculum è stato visualizzato in dettaglio. Alcuni strumenti amministrativi ti consentono di ricevere avvisi e-mail o messaggi di testo monitorando il numero di scansioni eseguite sul tuo codice QR personale e da dove provengono tali scansioni sulla mappa. È un po’ più complesso, ma chi non vorrebbe essere una mosca sul muro nell’ufficio del responsabile delle assunzioni?

Le cose da fare e da non fare di Resume QR

Poiché l’utilizzo dei codici QR su un curriculum è abbastanza nuovo, non ci sono molte regole rigide per la loro implementazione. Tuttavia, ci sono alcune linee guida da tenere a mente prima di iniziare a inserire il codice su ogni stampa di lino bianco che fai.

  • Mantieni il codice semplice. Sebbene la maggior parte dei generatori ti dia la possibilità di utilizzare colori jolly, è importante assicurarsi che il codice sia coerente con il resto del tuo curriculum. Il verde neon su viola potrebbe sembrare una buona idea mentre esegui le modifiche finali alle 3:00 del mattino, ma è un modo infallibile per assicurarti che il codice non venga mai scansionato.
  • Non esagerare. Un QR è più che sufficiente per qualsiasi curriculum. La regola pratica di una pagina si applica ancora e l’utilizzo di un codice QR per aggirare è l’opposto di utile nella tua ricerca di lavoro. Allegare un codice QR diverso a ogni intestazione del tuo curriculum sembra intelligente, poiché ti consentirebbe di incorporare una grande quantità di dettagli e informazioni extra in quelle sezioni, funziona solo se il responsabile delle assunzioni è disposto a scansionarle. Usarne più di uno ti fa sembrare che ti stai sforzando troppo per essere “moderno” ed è quasi certo che si ritorcerà contro.
  • Le dimensioni contano e il posizionamento è fondamentale. Il tuo codice QR dovrebbe funzionare con il design del tuo curriculum, non ostacolarlo. Qualsiasi cosa più grande di un pollice quadrato è sicuramente troppo grande. Inoltre, indipendentemente dalle dimensioni, il codice dovrebbe essere posizionato in un luogo ovvio ma non invadente: il posizionamento suggerito è centrato sotto il nome e la riga delle informazioni di contatto su un curriculum standard.
  • Test, test, test. Assicurati di testare il tuo codice ad ogni stampa. Un granello di toner fuori posto può rendere il quadrato inutilizzabile e il tuo curriculum passa dal farti sembrare un esperto di tecnologia a uno stupido con una scansione dell’app QR del responsabile delle assunzioni.

Potresti passare ore a cercare i pro ei contro dell’utilizzo di un QR sul tuo curriculum, quindi alla fine della giornata dipende davvero da te e dal tuo potenziale datore di lavoro. Sii coscienzioso, ma non aver paura di mostrare il tuo know-how digitale.

Cortesia dell’immagine: Jeroen Steeman

GUARDA ANCHE: Il curriculum creativo di Simone Fortuini sotto forma di Google Analytics

Leave a Comment

Your email address will not be published.