Come risolvere l’utilizzo elevato di CPU/memoria in Windows 10

Windows 10 avrebbe dovuto offrire prestazioni superiori a PC e laptop con versioni precedenti di Windows. Tuttavia, se si devono credere ai vari rapporti, non sembra essere così. Secondo vari thread e post del forum, gli utenti di Windows 10 devono affrontare problemi di prestazioni a causa dell’utilizzo elevato della CPU/della memoria. Apparentemente, ci sono una serie di problemi che determinano un utilizzo elevato della CPU in Windows 10.

Prima di dirti come correggere l’utilizzo elevato della CPU in Windows 10, divulghiamo i dettagli di ciò che potrebbe causare ciò, vero?

Cosa causa un elevato utilizzo di CPU e memoria in Windows 10

Se hai questa percezione che i dispositivi con RAM inferiore potrebbero dover affrontare problemi di utilizzo elevato della CPU su Windows 10, ti sbagli. In effetti, la maggior parte delle persone che affrontano questi problemi ha sistemi con 8 o 16 GB di RAM e chipset Intel Core i7 di fascia alta. Stiamo utilizzando un PC Windows 10, che racchiude 4 giga di RAM ed è alimentato dal processore Core i3 abbastanza modesto e possiamo assicurarvi personalmente che Windows 10 funziona a meraviglia (beh, almeno la maggior parte delle volte).

Quindi, la memoria insufficiente o i chipset di fascia bassa non sono certamente il problema qui. Ora che abbiamo chiarito questo dubbio, ecco alcune cose che potrebbero far sì che il tuo PC Windows 10 utilizzi tutta la potenza della CPU e la RAM:

  • Problemi di incompatibilità del driver: alcuni produttori di hardware devono ancora aggiornare i driver di Windows per funzionare bene con Windows 10 e ciò comporta problemi di prestazioni. A causa dell’incompatibilità del driver, potrebbe esserci una perdita di memoria, che si traduce in un elevato utilizzo di CPU e memoria.
  • Aggiornamenti di Windows 10: Andremo avanti e diremo che gli aggiornamenti di Windows 10 sono un mal di testa. Sebbene Microsoft abbia cercato di semplificare le cose, le normali richieste di aggiornamento non stanno aiutando. Inoltre, ci sono vari aggiornamenti che vengono scaricati automaticamente in background, con conseguente rallentamento del PC.
  • Bug di registro: Windows 10 sembra presentare alcuni bug nel suo registro che si traducono in un elevato utilizzo della CPU.
  • Processi di monopolizzazione della CPU: Ci sono vari processi non necessari che vengono eseguiti in background e occupano tutto l’utilizzo della CPU. Inoltre, ci sono processi che si avviano automaticamente all’accensione del PC.

Potrebbero esserci molti altri motivi per l’utilizzo elevato della CPU in Windows 10, ma questi sono sicuramente quelli chiave. Non preoccuparti però, poiché ti aiuteremo a sistemare le cose. Ecco come puoi correggere l’utilizzo elevato della CPU e della memoria in Windows 10:

Modi per correggere l’utilizzo elevato di CPU/memoria in Windows 10

Nota: Puoi controllare la CPU del tuo PC e l’utilizzo della memoria andando su Task Manager. Puoi aprire Task Manager premendo Ctrl+Alt+Canc o facendo clic con il pulsante destro del mouse sul menu Start e selezionando “Task Manager”. Quindi, dopo aver provato i seguenti metodi, non dimenticare di controllare il Task Manager per le modifiche all’utilizzo della CPU e della memoria.

1. Disattiva app e servizi di avvio

Come accennato, ci sono varie app e servizi che iniziano a essere eseguiti in background, non appena avviamo il computer. Bene, c’è un modo per interrompere l’esecuzione di queste app e servizi all’avvio. Per farlo, apri Gestione attività e vai alla quarta scheda “Avviare”. Qui, le app verranno elencate insieme al loro impatto sulla CPU e sulla memoria. Per disabilitare un’app o un servizio, selezionalo e fai clic su “Disattivare” o fai clic con il pulsante destro del mouse sull’app e seleziona “Disabilita”.

App di avvio di Windows 10

Nota: assicurati di disabilitare solo app e servizi di terze parti perché potrebbero esserci app e servizi che fanno parte di Windows e disabilitarli potrebbe causare problemi.

2. Disabilita Superfetch e altri servizi

Ci sono alcuni servizi di Windows 10 che sono i principali colpevoli di consumare le risorse della CPU. Superfetch è un servizio di sistema di Windows 10, che assicura che i dati più accessibili siano disponibili direttamente dalla RAM. Tuttavia, se disabiliti il ​​servizio, noterai un’enorme diminuzione dell’utilizzo della CPU. Ecco come farlo:

  • Nelle finestre Gestore delle attivitàvai a File->Esegui nuova attività. Nella finestra di dialogo Crea nuova attività, digitare “services.msc” e fare clic su “Ok”.

Windows 10 esegue una nuova attività

  • L’intero elenco dei servizi di Windows dovrebbe aprirsi, scorrere in basso e trovare “Superfetch”. Quando trovato, fare clic con il tasto destro sul servizio e selezionare “Proprietà”.

Servizi di Windows 10

  • Quando le proprietà del servizio si aprono, troverai a “Tipo di avvio” opzione nella scheda Generale. Cambialo in “Disabilitato” attraverso il menu a tendina e premere “Ok”

Proprietà dei servizi di Windows 10

Puoi utilizzare lo stesso processo per disabilitare altri servizi ad alta intensità di CPU come “Proprietà del servizio di trasferimento intelligente in background” e “Proprietà di ricerca di Windows”.

3. Apportare modifiche al Registro di sistema per disabilitare RuntimeBroker

RuntimeBroker è un processo di Windows, che dovrebbe aiutarti a gestire le autorizzazioni delle app di Windows Store. Idealmente, non dovrebbe occupare molta memoria o risorse della CPU ma le app difettose comportano l’utilizzo di GB di memoria nel processo, causando così problemi di prestazioni. Come avrai intuito, puoi disabilitare il processo tramite l’editor del registro. Ecco come puoi farlo:

  • Apri Esegui il Vinci+R combinazione di tasti e digita “regerdit.exe” e premere Invio per aprire l’Editor del Registro di sistema.
  • Nell’Editor del Registro di sistema, vai a HKEY_LOCALMACHINESYSTEMCurrentControlSetServicesTimeBroker e fare doppio clic su “Inizia” a cambia il suo valore DWORD da 3 a 4.

Editor del Registro di sistema per interrompere RuntimeBroker

  • Al termine, riavvia il PC per rendere effettive le modifiche. Dopodiché, vedrai che non esiste alcun processo chiamato RuntimeBroker.

Nota: Il valore 2 significa avviamento automatico, 3 significa manuale, mentre 4 significa disabilitato.

4. Risolvi i problemi del driver

Abbiamo già menzionato che i driver incompatibili possono causare perdite di memoria su Windows 10, quindi è importante risolvere tutti i problemi dei driver. Puoi installare app come Driver Booster, DriverPack, DriverTalent ecc. Queste app rileva automaticamente i driver obsoleti e li aggiorna dall’interno dell’app. Quindi, non dovrai andare a cercarli manualmente.

5. Disattiva i suggerimenti di Windows 10

Se non conosci Windows 10, i suggerimenti interessanti che vengono visualizzati per mostrarti la strada possono essere piuttosto utili. Tuttavia, se utilizzi Windows 10 da un po’ di tempo, dovresti sapere che questi suggerimenti potrebbero essere la causa dell’utilizzo elevato della CPU del tuo PC. Inoltre, alcune persone pensano addirittura che la disattivazione dei suggerimenti di Windows 10 abbia disabilitato il processo RuntimeBroker. In ogni caso, è meglio disabilitarlo.

Per disattivare i suggerimenti di Windows 10, vai su Windows Impostazioni->Sistema->Notifiche e azioni. Qui, disattivare “Mostrami suggerimenti su Windows”.

Suggerimenti per la disattivazione di Windows 10

6. Modifica le impostazioni di aggiornamento di Windows 10

Gli aggiornamenti di Windows 10 avrebbero dovuto essere senza interruzioni, ma il fatto è che sono diventati una seccatura. Windows 10 continua a scaricare gli aggiornamenti automaticamente e lo installa persino su volontà. Questo non solo ostacola l’esperienza, ma anche occupa un’enorme quantità di risorse e memoria della CPU. Quindi, è importante modificare le impostazioni di aggiornamento di Windows 10, in modo che funzionino bene con la CPU e la RAM del PC.

Innanzitutto, devi disattivare il download automatico e l’installazione degli aggiornamenti. Per farlo, vai a Simpostazioni->Aggiornamento e sicurezza->Windows Update->Opzioni avanzate e controlla “Rinvio aggiornamenti”.

Windows 10 rinvia gli aggiornamenti

Windows tende anche a condividere il tuo aggiornamento con altri PC su Internet. Puoi disabilitarlo completamente o scegliere di condividere i tuoi aggiornamenti con i PC sulla tua rete. Ti consigliamo di disattivarlo Impostazioni->Aggiornamento e sicurezza->Windows Update->Opzioni avanzate->Scegli come vengono consegnati gli aggiornamenti.

Consegna degli aggiornamenti di Windows 10

7. Disattiva “Ok Google” in Chrome e “Ehi Cortana”

Il browser Chrome di Google si è fatto un nome per essere un browser veloce e reattivo, oltre che un maiale di risorse. Quindi, non sorprende che Chrome possa essere uno dei motivi principali dell’utilizzo elevato della CPU del tuo PC. Secondo quanto riferito, la disabilitazione della funzione “Ok Google” di Chrome ha un impatto piacevole sull’utilizzo della CPU. Per disabilitarlo, puoi andare su Impostazioni di Chrome e nel “Ricerca” sezione, deseleziona “Abilita Ok Google per avviare una ricerca vocale”.

Disattiva Ok Google in Chrome

Anche la hotword sempre attiva “Hey Cortana” dovrebbe essere disabilitata per avere un impatto positivo sulla CPU e sulla RAM di un PC. Per disabilitarlo, apri Cortana e colpisci il menù hamburger. Quindi, vai a Taccuino->Impostazioni e disattiva “Ehi Cortana”.

Windows 10 spegni ehi cortana

8. Regola le prestazioni di Windows 10

Le animazioni e le varie transizioni interessanti hanno un bell’aspetto, ma hanno anche un impatto sulla CPU e sulla memoria del tuo PC. Per fortuna, Windows ti consente di ottimizzare gli effetti per le migliori prestazioni. Per ottimizzare le prestazioni di Windows 10, vai a Pannello di controllo e nel casella di ricerca, digita “prestazioni”. Dai risultati della ricerca, fare clic su “Regola l’aspetto e le prestazioni di Windows”.

Si apre la finestra di dialogo “Opzioni prestazioni” e nella scheda “Effetti visivi”, puoi scegliere tra “Lascia che Windows scelga ciò che è meglio” o “Regola per prestazioni migliori” o “Regola per aspetto migliore” oppure puoi disabilitare/attivare manualmente qualsiasi effetto sotto “Personalizzato”. Nella scheda “Avanzate”, puoi anche scegliere di allocare le risorse del processore per ottenere le migliori prestazioni di “Programmi” o “Servizi in background”.

Opzioni per le prestazioni di Windows 10

9. Disattiva Windows Spotlight

Windows Spotlight è la schermata di blocco di Windows 10 che ti offre sfondi straordinari di Bing insieme a suggerimenti. Impara anche dal tuo feedback per portarti sfondi che ti piaceranno. Ha un bell’aspetto ma funziona anche in background, occupando risorse, quindi è meglio disattivarlo. Per disabilitarlo, vai su Windows Impostazioni->Personalizzazione->Blocco schermo e cambia lo sfondo da Windows Spotlight su un’immagine.

Disattiva Windows Spotlight

10. Deframmenta unità

Un altro modo per correggere l’utilizzo elevato della CPU e della memoria in Windows 10 è rendere più efficiente il disco rigido del PC. Puoi farlo deframmentando le unità del tuo PC. Per avviare la deframmentazione dell’unità, cerca “deframmentazione” in Cortana e dovresti trovare “Deframmenta e ottimizza le unità” app desktop. Puoi allora selezionare l’unità vuoi deframmentare. Per avviare il processo, fare clic su “Analizzare”che ti dirà se l’unità deve essere deframmentata o meno.

Unità di deframmentazione di Windows 10

Una volta analizzato, otterrai la percentuale di frammentazione sull’unità. Se è superiore al 10%, dovresti iniziare la deframmentazione cliccando su “Deframmenta disco”.

Nota: Il processo di deframmentazione può richiedere da alcuni minuti a ore, tuttavia nel frattempo sarai in grado di utilizzare il tuo PC.

VEDERE ANCHE: 10 problemi comuni in Windows 10 (con soluzioni)

Prova questi metodi per correggere l’utilizzo elevato di CPU/memoria in Windows 10

Se hai riscontrato problemi con l’utilizzo elevato della CPU e della memoria in Windows 10, dovresti provare tutti questi metodi per ottimizzare le prestazioni del tuo PC al meglio. Siamo abbastanza sicuri che non incontrerai alcun problema dopo aver eseguito questi passaggi. Quindi, provali e facci sapere se i problemi di prestazioni sul tuo PC sono stati risolti o meno. Inoltre, dicci se hai altri metodi per ottimizzare l’utilizzo della CPU e della memoria in Windows 10. Suona nella sezione commenti qui sotto.

Leave a Comment

Your email address will not be published.