Come svuotare la cache DNS in Linux nel 2020 [Guide]

Il DNS, o Domain Name System, è responsabile della risoluzione dei nomi dei siti Web nei rispettivi indirizzi IP. Esistono più server DNS e puoi scegliere quello che desideri utilizzare. Quindi, se hai problemi a connetterti a un sito Web o se desideri semplicemente che una modifica DNS venga visualizzata dalla tua macchina Ubuntu, dovresti provare a svuotare la cache DNS. Puoi anche svuotare la cache DNS in Ubuntu se hai apportato modifiche al file hosts e vuoi che venga “visto” dal tuo sistema senza doverlo riavviare. Bene, se ti trovi in ​​una di queste situazioni e vuoi svuotare la cache DNS, ecco come svuotare la cache DNS in Linux.

Nota: Sto usando un sistema Ubuntu 16.10 “Yakkety Yak” per dimostrare questi metodi. Tuttavia, il processo dovrebbe essere simile sulla maggior parte delle distribuzioni Linux.

Svuota la cache DNS in Linux nel 2020

Prima di arrivare al nostro tutorial, vediamo prima se la cache DNS è abilitata o meno sul tuo computer.

Verifica se la memorizzazione nella cache DNS è abilitata

Tutte le distribuzioni Linux non si comportano allo stesso modo, quando si tratta di cose come la memorizzazione nella cache del DNS. Ad esempio, Ubuntu, per impostazione predefinita, non memorizza nella cache DNS. Prima di provare a svuotare la cache DNS su una macchina Linux, controlliamo se la memorizzazione nella cache è abilitata. Per farlo su un sistema Ubuntu, puoi seguire i passaggi seguenti:

1. Avvia Terminale e digita “ps ascia | grep dnsmasq“.

check-dns-cache-enabled-step-1

2. Nell’output del comando, sarai in grado di vedere un campo chiamato “dimensione della cache“. Controlla il suo valore. Se il valore è zero, significa che la memorizzazione nella cache è disabilitata sul sistema.

check-dns-cache-enabled-step-2

Nota: Se vuoi abilitare la cache DNS su Linux, puoi farlo usando il comando “sudo dnsmasq -c 150”. Puoi usare qualsiasi numero al posto di 150, che è fondamentalmente il numero di voci che dnsmasq può memorizzare nella cache.

Svuota la cache DNS in Ubuntu

Se il tuo sistema Linux sta memorizzando nella cache le voci DNS, puoi provare a svuotare la cache DNS per eliminare eventuali problemi relativi al DNS. Per svuotare la cache DNS in Ubuntu, puoi seguire i passaggi seguenti:

1. Avvia Terminale (ctrl + alt + T) e digita “sudo /etc/init.d/dns-clean riavvio“.

flush-dns-cache-in-linux

2. Quindi, digita il comando “sudo /etc/init.d/networking force-reload

clear-dns-cache-in-ubuntu

Questo cancellerà la tua cache DNS in Ubuntu e se i problemi che stavi riscontrando erano dovuti a problemi DNS, ora dovrebbero essere spariti.

Svuota la cache DNS nei servizi DNS su Linux

Come ho detto, Ubuntu non memorizza nella cache le voci DNS per impostazione predefinita, tuttavia, se hai installato manualmente un servizio DNS come nscd, puoi svuotarne la cache. Di seguito sono riportati i metodi per svuotare la cache per alcuni servizi DNS comuni:

Svuota la cache DNS di nscd

  • sudo /etc/init.d/nscd riavvia

flush-nscd-cache

Svuota la cache DNS di dnsmasq

  • sudo /etc/init.d/dnsmasq riavvio

flush-dnsmasq-cache

Svuota la cache DNS di BIND

Se stai usando BIND, puoi svuotare la cache DNS utilizzando uno dei seguenti comandi:

  • sudo /etc/init.d/riavvio con nome

opzione flush-bind-cache-1

opzione flush-bind-cache-2

opzione flush-bind-cache-3

BIND versione 9.3.0 e successive supportano lo svuotamento della cache DNS per un particolare dominio, nonché per la LAN o la WAN. È possibile utilizzare i seguenti comandi per utilizzare questa funzione:

  • Per svuotare la cache DNS per un particolare dominio, usa “sudo rndc flushname beebom.com

flush-bind-cache-particular-domain

  • Per svuotare la cache DNS per la LAN, utilizzare “sudo rndc flush lan

flush-bind-cache-lan

  • Per svuotare la cache DNS per la WAN, utilizzare “sudo rndc flush wan

flush-bind-cache-wan

Bonus: modifica le impostazioni DNS in Ubuntu

Abbiamo parlato di svuotare la cache DNS in Ubuntu, tuttavia, potrebbero esserci casi in cui desideri semplicemente apportare una modifica alle impostazioni DNS in Ubuntu. Se vuoi modificare le impostazioni DNS in Ubuntu, puoi farlo usando la GUI o tramite il Terminale.

Modifica le impostazioni DNS utilizzando la GUI

L’utilizzo della GUI per modificare le impostazioni DNS è più semplice rispetto all’utilizzo del Terminale. Tuttavia, se utilizzi più connessioni, dovrai modificare l’impostazione DNS per ciascuna di esse. Per modificare le impostazioni DNS utilizzando la GUI, segui i passaggi seguenti:

1. Apri Impostazioni di sistemae fare clic su Rete.

apri le impostazioni di sistema e vai alla rete

2. Fare clic su freccia accanto al nome della rete sei connesso.

fare clic sulla freccia accanto alla copia del nome di rete

3. Ora fai clic su “Impostazioni”. Questo aprirà le impostazioni per quella connessione.

impostazioni cliccabili

4. Passa alla scheda IPv4e vedrai un’opzione chiamata “Server DNS aggiuntivi“. In questo campo puoi inserire i server DNS che desideri utilizzare. Se vuoi inserire più di un server DNS, separali semplicemente con virgole.

passa a ipv4-tab-e-aggiungi-server

Modifica le impostazioni DNS utilizzando il terminale

Se non si desidera utilizzare la GUI e si preferisce modificare le impostazioni DNS utilizzando il Terminale, è possibile farlo aggiungendo i server dei nomi al file di configurazione dnsmasq. Tuttavia, dnsmasq non viene installato per impostazione predefinita nei sistemi Ubuntu (dnsmasq-base, sì). Quindi, prima dovrai installa dnsmasq avviando un Terminale e utilizzando “sudo apt-get install dnsmasq“.

modifica-impostazioni-dns-passaggio-1

  • Dopo aver installato dnsmasq. Puoi modificare il file di configurazione con “sudo nano /etc/dnsmasq.conf“.

modifica-impostazioni-dns-passaggio-2

  • Qui puoi aggiungere gli indirizzi IP dei tuoi server DNS dove dice “Aggiungi altri nameserver qui“.

modifica-impostazioni-dns-passaggio-3

VEDERE ANCHE: Come avviare una USB Live Linux su Mac (Guida)

Cancella la cache DNS in Linux usando questi metodi

È possibile utilizzare uno qualsiasi di questi metodi per svuotare la cache DNS in un sistema Linux. I problemi con la cache DNS possono causare problemi come il mancato caricamento di una pagina Web, le modifiche al server dei nomi non riconosciute dal sistema e molto altro ancora. Una volta svuotata la cache DNS, molto probabilmente questi problemi scompariranno. Quindi, hai mai dovuto svuotare la cache DNS sul tuo sistema Linux? Se si, che metodo hai usato? Se conosci altri metodi per svuotare la cache DNS sul tuo sistema Linux, faccelo sapere nella sezione commenti qui sotto.

Leave a Comment

Your email address will not be published.