Il runtime futuro di Android introdotto in Kitkat

In Android 4.4 Kitkat, Google ha introdotto un ambiente di runtime ART, sebbene ART sia sperimentale, suggerisce che Google potrebbe sostituire completamente il suo attuale Dalvik di runtime. Questa opzione è disponibile nelle opzioni sviluppatore di Android in Kitkat. Ci sono molti pro e contro del runtime di ART, ed è ancora in funzione, ma nelle versioni future di Android, questo potrebbe sostituire completamente il runtime di Dalvik.

Vediamo cos’è ART, in che modo è diverso da Dalvik e in che modo ART influisce sull’esperienza Android.

Cos’è ARTE e Dalvik

dalvik vs art

Dalvik e ART sono macchine virtuali. Le macchine virtuali emulano l’architettura del computer o le funzioni dell’hardware del computer reale. Significa che le macchine virtuali consentono a un’applicazione di essere eseguita su qualsiasi piattaforma hardware fungendo da interfaccia tra di loro.

Dalvik è basato sulla compilation JIT (Just in Time). JIT (da cui Dalvik Virtual machine) compila una piccola parte di codice e richiede meno memoria. Il codice viene compilato ogni volta che si esegue un’app e quindi si aggiunge al ritardo all’avvio dell’app.

ART si basa sulla compilazione AOT (Ahead of Time). In ART, il codice viene compilato durante l’installazione nel linguaggio dipendente dal sistema e quindi non è necessario che venga compilato più e più volte quando l’utente apre un’app.

Perché Google pensa ad ART come futuro Runtime?

Ci sono molte ragioni per cui Google sta lavorando su ART:

1. Poiché il codice viene precompilato una volta durante l’installazione, non è necessario ricompilarlo nuovamente durante l’apertura di un’app, quindi il ritardo viene ridotto durante l’apertura di un’app.

2. Aumento della velocità durante l’utilizzo di più app e il multitasking.

3. Risparmia i cicli della CPU e quindi risparmia la batteria perché la CPU non ha bisogno di ricompilare un’app ancora e ancora,

4. Aumenta la velocità della RAM e l’utilizzo dello spazio di archiviazione.

Contro dell’ARTE:

1. L’installazione dell’app richiede più tempo.

2. L’app occupa molto più spazio rispetto all’utilizzo del runtime Dalvik.

3. Poiché ART è attualmente un esperimento, la maggior parte delle app si arresta in modo anomalo o non funziona con ART.

4. Le operazioni su interi della CPU sono migliori su Dalvik.

Perché Google non l’ha introdotto prima?

Quando Google ha presentato il primo smartphone Android nel 2008, la tecnologia hardware, storage e memoria per smartphone non era così avanzata come lo è oggi. Lo spazio di archiviazione e la memoria erano inferiori, il processore dello smartphone non era potente come lo è oggi con processori multi-core. Su ART un’app stessa richiede molto più spazio rispetto a Dalvik, quindi Google ha abbandonato l’idea di ART.

Qual è il futuro dell’ARTE?

Google ha introdotto l’opzione per attivare ART con Android Kitkat, il progetto è ora sperimentale ma i vantaggi di ART indicano chiaramente che le future versioni di Android arriveranno con il runtime ART una volta che diventerà stabile e gli sviluppatori inizieranno a supportarlo.

GUARDA ANCHE: Cos’è GLONASS e come è diverso dal GPS

Spero che questo post ti sia piaciuto, condividilo con gli amici e rimani iscritto a thetecnica per notizie interessanti su Social media, gadget e cellulari.

Cortesia dell’immagine: Autorità Android

Leave a Comment

Your email address will not be published.